App. Abruzzese, Monte Calvo da Piano Cascina

PDFPrintEmail
App. Abruzzese, Monte Calvo da Piano Cascina
Sales price 1,50 €
Description

La catena di monti compresi tra le Gole del Velino, dove la via Salaria si apre tortuosamente il cammino, e la valle dell’Aterno, sono veramente una bella sorpresa per l’escursionista che preferisce i luoghi dell’Appennino ancora da scoprire. Il fatto che essi costituiscano la linea di confine tra Lazio ed Abruzzo, e che questo li renda difficilmente collocabili geograficamente (Monti Reatini? Monti Aquilani?) non ne diminuisce certamente la bellezza. Dal Monte Gabbia al M. Giano (quello della scritta DUX), fino al M. Calvo e poi più giù fino al Nuria al Fratta ed infine al Monte Cava, con la sua quota 2.000 tonda tonda, essi formano una linea continua che congiunge i Monti della Laga al gruppo del Sirente-Velino. Il Piano Cascina è una delle rare e sconosciute bellezze dell’Appennino minore, che proprio per questo non è stato oggetto di istanze di tutela e non fa parte di parchi naturali, ma che poco ha da invidiare ai più noti Piani di Castelluccio. Lo osserverete agevolmente dall’alto delle creste di questa escursione, che è veramente la più remunerativa, dal punto di vista panoramico, dell’intera catena, anche perché ne segue un bel pezzo di quasi 6 km di sviluppo. Vi accorgerete subito del grande (eccessivo) sfruttamento ovino a cui i pascoli sono stati sottoposti negli anni, che hanno lasciato pendii nudi e dilavati, striati fittamente come sono, da tracce di passaggio delle pecore, ma che nulla hanno perso della loro panoramicità. L’inverno restituisce verginità alle grandi calotte nude della catena che possono essere risalite agevolmente con le ciaspole. 

Recensioni

There are yet no reviews for this product.