Gole del Garrafo da Acquasanta T.

PDFPrintEmail
Gole del Garrafo da Acquasanta a Pietra Rotonda per il Fosso Garrafo. Discesa per Gaglierto
Sales price 1,50 €
Description

Ecco un itinerario “diverso” e allo stesso tempo spettacolare. Nata dalla erosione del torrente Garrafo e visitata per anni solo da pochi avventurosi pescatori, la gola del Garrafo ha visto da alcuni anni crescere il numero dei suoi frequentatori, sia per l’aumentato interesse degli escursionisti per questo gruppo, sia per la recente esplorazione di nuove e interessanti grotte. Scuole, associazioni, privati, chiedono sempre più spesso all’ASA (Associazione Speleologica Acquasantana) di essere accompagnati a visitare le grotte. Dell’esistenza di alcune cavità naturali, formate dall’erosione distruttiva dell’acqua sulfurea, si era a conoscenza già da tempo, ma le ultime scoperte hanno riacceso l’interesse. L’escursione inizia con la visione dei tre ponti con cui la Salaria ha scavalcato in epoche diverse il torrente Garrafo. Quello Augusteo (primo sec. a.C.), quello ottocentesco e quello attuale. “Ad Aquas” (attuale Acquasanta) era una stazione di sosta della Salaria, conosciutissima in epoca romana per le proprietà curative delle sue acque sulfuree. Nella gola noterete le vecchie murature che, poco sopra il pelo dell’acqua chiudono diverse piccole cavità: sono l’ingenuo tentativo, dei secoli scorsi, di fermare le infiltrazioni di acqua che diluirebbero, raffreddandole, le acque termali. Usciti dalla stretta gola, con ancora il rombo delle acque del Garrafo nelle orecchie, incontrerete i ruderi di Gaglierto, con il piccolo mulino ormai nascosto dalla vegetazione. Il paese è completamente abbandonato dal ‘55 quando quasi tutti gli abitanti si trasferirono in Canada in cerca di miglior fortuna. A Pietra Rotonda, poco prima di Umito, Filomena non c’è più, è rimasto solo Zelindo a presidiare la casa, mai raggiunta da strade carrozzabili. Per questo la Rai nazionale intervistò la coppia diversi anni fa. Gli escursionisti sono sempre benvenuti, ma gli occhi dell’anziano montanaro sono velati dalla tristezza. Grotte, acqua, ripide pareti, fanno da sfondo a questa camminata che è riservata ad escursionisti con un minimo di esperienza alpinistica poiché in diversi punti occorre superare brevi paretine e guadi (bagnarsi è quasi obbligatorio).

Recensioni

There are yet no reviews for this product.